GLOBAL ITALY USA AUSTRIA GERMANY FRANCE PORTUGAL SPAIN CHINA UNITED KINGDOM

Home Azienda Storia



  • LA STORIA

     




















1930

Macchina a colonna
Macchina a colonna

Inizia la produzione delle macchine a marchio LaCimbali (Rapida). La tecnologia  dell’epoca prevedeva una caldaia posizionata in verticale, da cui il nome di  macchine a colonna, e un sistema di riscaldamento prevalentemente a carbone o a legna.
















1947-1950

Gioiello
Gioiello

Con la diffusione dell’elettricità e l’avvento della leva che permette di erogare la crema caffè, anche le macchine LaCimbali subiscono una rivoluzione tecnologica. (Ala, Gioiello e Brillante).

La leva è una vera rivoluzione tecnologica perché permette di ottenere la pressione necessaria per estrarre tutto ciò che dà gusto, aroma e corpo alla tazzina di caffè.













1962

Compasso d'oro - Pitagora
Consegna Compasso d'Oro

Nel 1962 Pitagora vince il prestigioso Compasso d’Oro per il design straordinariamente moderno, dalle linee essenziali e pulite, frutto del lavoro degli architetti Castiglioni. Per la prima volta si utilizzano l’acciaio inox, il colore e la serigrafia, tutte caratteristiche che le permettono di ottenere un successo commerciale senza precedenti.

La Pitagora resta a tutt’oggi l’unica macchina per caffè ad aver vinto il Compasso d’Oro.

 

La Pitagora, con le sue forme rigorose, permette l’inizio dell’industrializzazione, cioè la riproducibilità in serie dei prodotti LaCimbali.

 

 













1970-1979

M20
M20

In questi anni, dalla collaborazione con Rodolfo Bonetto nascono modelli divenuti storici come M15 e  M20 macchina quest’ultima in cui i comandi e la parte elettrica vengono posizionati nel basamento a favore dell’ergonomia di lavoro del barista. Con questi modelli si inizia a valorizzare il lato lavoro della macchina anziché il lato carrozzeria.

 

Con il modello M15, LaCimbali mantiene le configurazioni a gruppi idraulici, a leva o a iniezione diretta, ma introduce la novità dell’elettrovalvola.  













1990-99

M30 Dosatron
M30 Dosatron

La decade vede il lancio sul mercato delle prime macchine tradizionali equipaggiate con un  microprocessore evoluto in grado di gestire le loro principali funzioni e l’accensione e lo spegnimento automatici della macchina quasi a precorrere le attuali esigenze di risparmio energetico. (M30, M31, M32).

 

Da ora in poi l’elettronica diventerà uno dei punti focali delle macchine sia tradizionali che superautomatiche e, insieme ai continui studi sull’ergonomia d’uso, fiore all’occhiello della Progettazione e della Ricerca e Sviluppo aziendali.















2000

M3 Superbar2
M3 Superbar2

Viene lanciata la M3, una nuova generazione di macchine superautomatiche caratterizzata dall’impiego di materiali innovativi per un’ulteriore garanzia di durata ed igiene e da innovazioni tecnologiche come, ad esempio, lo Smart Boiler, che ottimizza le prestazioni di acqua calda e vapore.

 

Sempre più le macchine di nuova generazione, sia tradizionali che superautomatiche, sono pensate per facilitare gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria.

 

 













2011

M39 Dosatron TE TS4
M39 Dosatron TE TS4

La M39 TE apre un nuovo capitolo per l’elettronica avanzata che la equipaggia, che permette, ad esempio, una connettività estesa (Wi-Fi e Bluetooth) e per le novità tecnologiche tra cui spicca il Turbosteam Milk4.

 

 

 

 













MUMAC

MUMAC  -  Museo della Macchina pr Caffè
MUMAC - Museo della Macchina pr Caffè

Nel 2012 Gruppo Cimbali ha festeggiato i cento anni di attività inaugurando MUMAC, il primo museo interamente dedicato alle macchine per caffè professionali. Il MUMAC raccoglie 200 pezzi ed espone 100 macchine provenienti dalle Collezioni Maltoni e Gruppo Cimbali in un percorso narrativo diviso in sei sale dal 1900 ad oggi, dando origine alla più grande esposizione al mondo di macchine professionali per caffè espresso.

http://www.mumac.it

MUMAC è anche MUMAC Academy, una vera e propria accademia che offre formazione e training per soddisfare le diverse esigenze del mercato e corsi di degustazione e di valutazioni sensoriali sulla qualità del caffè, aperti ad aziende e professionisti ma anche coffee lovers e appassionati.

http://www.academy.mumac.it













1912

Sig. Giuseppe Cimbali
Sig. Giuseppe Cimbali

Giuseppe Cimbali apre un negozio per la lavorazione del rame in centro a Milano.










1945

Albadoro
Albadoro

LaCimbali lancia Albadoro, una macchina a due caldaie verticali tra loro indipendenti che può avere da 3 a 6 gruppi di erogazione, per la prima volta posizionati frontalmente, e lo scaldatazze.

Il posizionamento frontale dei gruppi permette un’ergonomia di lavoro maggiore: non è più necessario muoversi intorno alla macchina per lavorare.








1955-56

Granluce
Granluce

Nel 1955 l’azienda lancia Granluce, equipaggiata con il gruppo idraulico (brevetto LaCimbali) che facilita e alleggerisce il lavoro del barista perché rende l’erogazione completamente automatica. Questa innovazione consente a LaCimbali di entrare su nuovi mercati esteri.

Il gruppo idraulico sostituisce alla pressione esercitata dalla molla della leva quella dell’acqua di rete che, grazie a un sistema che la moltiplica, arriva ai 9 bar necessari alla corretta estrazione della crema-caffè.








1969

Superbar
Superbar

Alla fine degli anni ’60 LaCimbali inizia a sperimentare l’automatismo totale e presenta la Superbar, la sua prima macchina superautomatica realizzata specificatamente per i bar.

 

Una macchina superautomatica permette anche al barista meno esperto di preparare un ottimo caffè partendo dalla macinatura per arrivare all’espulsione dei fondi.








1983

ET Program
ET Program

LaCimbali lancia sul mercato ET, la sua prima macchina elettronica (designer Matzunaga).








1992

M50 Dolcevita C200
Dolcevita C200

La serie di macchine superautomatiche Dolcevita perfeziona ulteriormente il concetto di automatismo totale: le macchine assicurano un risultato in tazza sempre eccellente e di qualità costante contribuendo alla diffusione della cultura dell’espresso nel mondo, soprattutto in quei mercati poco abituati al gusto italiano del caffè.

 

Questa tecnologia ha inizialmente riscosso successo soprattutto nei mercati dove l’abilità nella preparazione del caffè espresso e del cappuccino non aveva tradizioni consolidate.








2009

Q10 CS con modulo latte montato freddo
Q10 CS con modulo latte montato freddo

Nasce Q10, macchina superautomatica di dimensioni compatte che permette di creare un menu sempre più ricco e in linea con le esigenze contemporanee anche grazie all’impiego di bevande solubili e, a partire dal 2012,  di un apposito modulo per l’erogazione del latte montato a freddo.








2012

M100 DT3 TS4
M100 DT3 TS4

Evoluzione della serie M39, la M100 monta  boiler caffè indipendenti termocontrollati, un sistema di preriscaldamento dell’acqua di estrazione (sistema GT), sistema HD per personalizzare la pressione dell'acqua di estrazione, selezioni touch screen oltre all’elettronica avanzata, una porta USB, Smart Boiler e Turbosteam Milk4.

 

 

 

 

 

 








Coffee starts here

Coffee Starts Here
Coffee Starts Here

L'azienda rinnova la sua immagine e adotta un nuovo pay-off: COFFEE STARTS HERE

Coffee starts here è una promessa fondata sul presente. Dà inizio ad un viaggio che parte da Milano per espandersi ai mercati di tutto il mondo. Affonda le proprie radici nella forza del disegno industriale e nel processo di sales e after-sales. LaCimbali non è solo espresso ma tutta la variegata gamma di bevande erogate ogni giorno, ovunque nel mondo, per soddisfare i gusti e i trend internazionali.

1912

Sig. Giuseppe Cimbali
Sig. Giuseppe Cimbali

Giuseppe Cimbali apre un negozio per la lavorazione del rame in centro a Milano.

1930

Macchina a colonna
Macchina a colonna

Inizia la produzione delle macchine a marchio LaCimbali (Rapida). La tecnologia  dell’epoca prevedeva una caldaia posizionata in verticale, da cui il nome di  macchine a colonna, e un sistema di riscaldamento prevalentemente a carbone o a legna.

1945

Albadoro
Albadoro

LaCimbali lancia Albadoro, una macchina a due caldaie verticali tra loro indipendenti che può avere da 3 a 6 gruppi di erogazione, per la prima volta posizionati frontalmente, e lo scaldatazze.

Il posizionamento frontale dei gruppi permette un’ergonomia di lavoro maggiore: non è più necessario muoversi intorno alla macchina per lavorare.

1947-1950

Gioiello
Gioiello

Con la diffusione dell’elettricità e l’avvento della leva che permette di erogare la crema caffè, anche le macchine LaCimbali subiscono una rivoluzione tecnologica. (Ala, Gioiello e Brillante).

La leva è una vera rivoluzione tecnologica perché permette di ottenere la pressione necessaria per estrarre tutto ciò che dà gusto, aroma e corpo alla tazzina di caffè.

1955-56

Granluce
Granluce

Nel 1955 l’azienda lancia Granluce, equipaggiata con il gruppo idraulico (brevetto LaCimbali) che facilita e alleggerisce il lavoro del barista perché rende l’erogazione completamente automatica. Questa innovazione consente a LaCimbali di entrare su nuovi mercati esteri.

Il gruppo idraulico sostituisce alla pressione esercitata dalla molla della leva quella dell’acqua di rete che, grazie a un sistema che la moltiplica, arriva ai 9 bar necessari alla corretta estrazione della crema-caffè.

1962

Compasso d'oro - Pitagora
Consegna Compasso d'Oro

Nel 1962 Pitagora vince il prestigioso Compasso d’Oro per il design straordinariamente moderno, dalle linee essenziali e pulite, frutto del lavoro degli architetti Castiglioni. Per la prima volta si utilizzano l’acciaio inox, il colore e la serigrafia, tutte caratteristiche che le permettono di ottenere un successo commerciale senza precedenti.

La Pitagora resta a tutt’oggi l’unica macchina per caffè ad aver vinto il Compasso d’Oro.

 

La Pitagora, con le sue forme rigorose, permette l’inizio dell’industrializzazione, cioè la riproducibilità in serie dei prodotti LaCimbali.

 

 

1969

Superbar
Superbar

Alla fine degli anni ’60 LaCimbali inizia a sperimentare l’automatismo totale e presenta la Superbar, la sua prima macchina superautomatica realizzata specificatamente per i bar.

 

Una macchina superautomatica permette anche al barista meno esperto di preparare un ottimo caffè partendo dalla macinatura per arrivare all’espulsione dei fondi.

1970-1979

M20
M20

In questi anni, dalla collaborazione con Rodolfo Bonetto nascono modelli divenuti storici come M15 e  M20 macchina quest’ultima in cui i comandi e la parte elettrica vengono posizionati nel basamento a favore dell’ergonomia di lavoro del barista. Con questi modelli si inizia a valorizzare il lato lavoro della macchina anziché il lato carrozzeria.

 

Con il modello M15, LaCimbali mantiene le configurazioni a gruppi idraulici, a leva o a iniezione diretta, ma introduce la novità dell’elettrovalvola.  

1983

ET Program
ET Program

LaCimbali lancia sul mercato ET, la sua prima macchina elettronica (designer Matzunaga).

1990-99

M30 Dosatron
M30 Dosatron

La decade vede il lancio sul mercato delle prime macchine tradizionali equipaggiate con un  microprocessore evoluto in grado di gestire le loro principali funzioni e l’accensione e lo spegnimento automatici della macchina quasi a precorrere le attuali esigenze di risparmio energetico. (M30, M31, M32).

 

Da ora in poi l’elettronica diventerà uno dei punti focali delle macchine sia tradizionali che superautomatiche e, insieme ai continui studi sull’ergonomia d’uso, fiore all’occhiello della Progettazione e della Ricerca e Sviluppo aziendali.

1992

M50 Dolcevita C200
Dolcevita C200

La serie di macchine superautomatiche Dolcevita perfeziona ulteriormente il concetto di automatismo totale: le macchine assicurano un risultato in tazza sempre eccellente e di qualità costante contribuendo alla diffusione della cultura dell’espresso nel mondo, soprattutto in quei mercati poco abituati al gusto italiano del caffè.

 

Questa tecnologia ha inizialmente riscosso successo soprattutto nei mercati dove l’abilità nella preparazione del caffè espresso e del cappuccino non aveva tradizioni consolidate.

2000

M3 Superbar2
M3 Superbar2

Viene lanciata la M3, una nuova generazione di macchine superautomatiche caratterizzata dall’impiego di materiali innovativi per un’ulteriore garanzia di durata ed igiene e da innovazioni tecnologiche come, ad esempio, lo Smart Boiler, che ottimizza le prestazioni di acqua calda e vapore.

 

Sempre più le macchine di nuova generazione, sia tradizionali che superautomatiche, sono pensate per facilitare gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria.

 

 

2009

Q10 CS con modulo latte montato freddo
Q10 CS con modulo latte montato freddo

Nasce Q10, macchina superautomatica di dimensioni compatte che permette di creare un menu sempre più ricco e in linea con le esigenze contemporanee anche grazie all’impiego di bevande solubili e, a partire dal 2012,  di un apposito modulo per l’erogazione del latte montato a freddo.

2011

M39 Dosatron TE TS4
M39 Dosatron TE TS4

La M39 TE apre un nuovo capitolo per l’elettronica avanzata che la equipaggia, che permette, ad esempio, una connettività estesa (Wi-Fi e Bluetooth) e per le novità tecnologiche tra cui spicca il Turbosteam Milk4.

 

 

 

 

2012

M100 DT3 TS4
M100 DT3 TS4

Evoluzione della serie M39, la M100 monta  boiler caffè indipendenti termocontrollati, un sistema di preriscaldamento dell’acqua di estrazione (sistema GT), sistema HD per personalizzare la pressione dell'acqua di estrazione, selezioni touch screen oltre all’elettronica avanzata, una porta USB, Smart Boiler e Turbosteam Milk4.

 

 

 

 

 

 

MUMAC

MUMAC  -  Museo della Macchina pr Caffè
MUMAC - Museo della Macchina pr Caffè

Nel 2012 Gruppo Cimbali ha festeggiato i cento anni di attività inaugurando MUMAC, il primo museo interamente dedicato alle macchine per caffè professionali. Il MUMAC raccoglie 200 pezzi ed espone 100 macchine provenienti dalle Collezioni Maltoni e Gruppo Cimbali in un percorso narrativo diviso in sei sale dal 1900 ad oggi, dando origine alla più grande esposizione al mondo di macchine professionali per caffè espresso.

http://www.mumac.it

MUMAC è anche MUMAC Academy, una vera e propria accademia che offre formazione e training per soddisfare le diverse esigenze del mercato e corsi di degustazione e di valutazioni sensoriali sulla qualità del caffè, aperti ad aziende e professionisti ma anche coffee lovers e appassionati.

http://www.academy.mumac.it

Coffee starts here

Coffee Starts Here
Coffee Starts Here

L'azienda rinnova la sua immagine e adotta un nuovo pay-off: COFFEE STARTS HERE

Coffee starts here è una promessa fondata sul presente. Dà inizio ad un viaggio che parte da Milano per espandersi ai mercati di tutto il mondo. Affonda le proprie radici nella forza del disegno industriale e nel processo di sales e after-sales. LaCimbali non è solo espresso ma tutta la variegata gamma di bevande erogate ogni giorno, ovunque nel mondo, per soddisfare i gusti e i trend internazionali.